Finita la luna di miele Cicero Rucco

Il sodalizio Cicero-Rucco sembrava solido e indissolubile, con Cicero tra i primi e più decisi
sostenitori della candidatura Rucco e con quest’ultimo che lo ricompensava con un “super
assessorato”.
Sono passati solo pochi mesi, ma l’idillio sembra già finito. Prima il dissenso di Cicero per
il nuovo autovelox di Viale del Sole, poi il cambio di rotta sulla pedonalizzazione di Corso
Fogazzaro (riconfermata dall’assessore in Consiglio Comunale e smentita dal sindaco) e
infine la velenosa polemica con la capogruppo Siotto per il progetto su Viale San Lazzaro.
Il tutto condito dall’avvicendamento in Consiglio Comunale, con la fedele Zezza sostituita
da D’Amore (che non ha atteso un attimo per guardarsi intorno, vedasi Donazzan, che
lascia Cicero politicamente meno protetto).

Claudio Cicero Francesco Rucco

Osserviamo con disappunto come gli interventi di viabilità fin qui attuati o annunciati si
sono rivelati contraddittori e incoerenti, frutto di sparate occasionali più che di un progetto
unitario.
Vogliamo quindi sapere dal sindaco se esista un piano della mobilità urbana e se questo
sia ancora in capo all’assessore Cicero. Se il sindaco ha ancora fiducia nel proprio
assessore, la consigliera Siotto va smentita con decisione e tempestività; in caso contrario
si tratterebbe di un atto di sfiducia dal quale Cicero dovrebbe trarre un’unica ovvia
conclusione: le proprie dimissioni.