Disabili: a Vicenza si parta sempre dall’ascolto

Le scelte politiche a livello regionale continuano a danneggiare i disabili. A Vicenza si parta sempre dall’ascolto delle associazioni dei familiari dei disabili.
La proposta dell’ULSS, approvata dalla Conferenza dei Sindaci, di togliere la copertura economica per le attività nei centri diurni delle persone disabili presenti nelle strutture residenziali nasce da scelte politiche a livello regionale. Queste scelte politiche sono particolarmente gravi per due ragioni: in primo luogo perchê il Veneto ê sempre stato un modello nella tutela dei diritti fondamentali dei cittadini disabili, in secondo luogo perchê a fronte di una richiesta di assistenza crescente non ê stato mai aumentato il Fondo per la Non Autosufficienza.
L’impegno che hanno preso il Sindaco e l’Assessore al Sociale deve essere un monito anche per i prossimi mesi: si devono trovare le risorse per chi vive una situazione di maggiore difficoltà e lo si deve fare coinvolgendo ed ascoltando prima di tutto le associazioni dei familiari dei disabili, cosi’ come abbiamo anche scritto nel nostro Programma per le elezioni comunali 2013 e cosi’ come faremo stasera (28 Agosto 2013) con un incontro tra Esecutivo Cittadino, Gruppo Consiliare e associazioni.
Enrico Peroni (Segretario Cittadino Pd) e Giacomo Possamai (Capogruppo PD in Consiglio Comunale)